Spese scolastiche: quanto costa istruire propri figli

spese-scolastiche-750x500

Tra tutte le spese scolastiche, escluse le tasse universitarie, ecco a quanto ammonta il costo medio per mandare a scuola i propri figli. Tanto? Poco? La media italiana (e poi ci sono i dettagli, regione per regione) parla di un concorso alle spese (sostenute dallo Stato per l’istruzione e la formazione dei cittadini) ed è pari allo 0.6% (dato Istat, 2016). Il dato è calcolato in percentuale sulla spesa totale per alunno e si riferisce a quanto ciascun nucleo sborsa mensilmente per mandare a scuola i propri figli. L’ultimo dato disponibile è del 2016 ed è aumentato rispetto al 2008 dello 0,2% su base mensile.

In media lo Stato italiano, ogni anno, spende 9.308 (in dollari USA equivalenti) per ciascuno studente. Lo rileva l’Istat fornendo – con dati dal 2008 al 2015 – una panoramica di tutti i paesi Ocse. Noi spendiamo “pochino”, in linea con Portogallo e Spagna e poco più della Slovenia, che ha una spesa annuale per studente di circa 8000 dollari USA equivalenti. Niente a che vedere, insomma, con quanto spendono i Paesi Bassi, il Regno Unito e la Norvegia – ad esempio – che sborsano in media, per ciascun discente, 13mila dollari ogni 12 mesi.

Un’indagine 2018 di Federconsumatori condotta tra le famiglie del Belpaese ha però lanciato un allarme. Le spese scolastiche per istruire i propri figli sarebbero in aumento sul bilancio familiare. Tra spese per materiale scolastico (al netto di una eventuale retta di frequenza, per scuole private o paritarie) e mensa si arriverebbe a toccare i 1200 euro all’anno. Il tetto più alto di spesa si registra tra chi ha figli alle superiori, ma il dato è comunque preoccupante. Istruire i propri bambini ha un peso sul bilancio annuale della famiglia e, rispetto al 2017, costa lo 0,8% in più per ciascun nucleo.

Molte delle spese scolastiche, è vero, sono detraibili (così come le tasse universitarie) nella misura del 19%. Nel 2019 il limite è stato spostato a 786 euro, per cui i genitori possono detrarre nella dichiarazione dei redditi fino a 150 euro a figlio. Una misura di sollievo ma che per molti, comunque, potrebbe non bastare. Le spese scolastiche a carico della famiglia, infatti, sono meno in Valle d’Aosta (0,3%) e in Molise, molte di più in Veneto e Lombardia (0.7%) fino ad arrivare all’1% del Molise (dati Istat, 2016).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui