Non puoi assumere? Ecco 3 portali dove ingaggiare un professionista freelance

frelancer-1349x654

Un’attività in fase di start-up, un momento di stallo produttivo, il peso del costo del lavoro non ti permettono di assumere una figura che reputi necessaria in azienda? In altre parole, non puoi permetterti quell’impiegato che ti serve, oppure ti servirebbe ma per breve tempo? A tutte queste domande che possono affollare la mente di un imprenditore propositivo e al passo con i tempi, una risposta c’è già. Ingaggiare un professionista freelance. E come, dirai?

Forse lo sai già, ma se non lo sai ancora è un’ottima informazione che puoi spendere a tuo vantaggio: esistono dei marketplace che mettono in contatto domanda e offerta di lavoro nel campo freelance. Ad esempio, hai bisogno di un grafico che lavori su un tuo progetto per qualche settimana o mese? Hai bisogno di un social media manager in outsourcing? Scegli il portale (molti sono specializzati per ambiti professionali, altri sono generalisti), iscriviti e fai la tua proposta. In breve tempo la tua call verrà visualizzata da diversi professionisti che ti invieranno la loro candidatura. E tu dovrai semplicemente scegliere la figura più congeniale al tuo progetto. Il freelance prescelto, che avari verificato avere le skills professionali necessarie, svolgerà l’incarico e fatturerà alla tua azienda il suo compenso.

Sembra facile, dirai, ma dove posso trovare questi marketplace? Eccone una selezione per te.

AddLance

addlance-1349x654

Questo marketplace completamente made in Italy si occupa di mettere in contatto aziende, imprenditori e start-up con liberi professionisti nel settore della programmazione, dello sviluppo di app, della consulenza aziendale, del content marketing, della fotografia e della traduzione. Basta pubblicare gratuitamente il tuo progetto e i freelance risponderanno usando dei crediti da loro acquistati. Sul progetto assegnato non è prevista nessuna commissione né da parte dell’azienda né da parte del freelance.

Fiverr

fiverr-1348x653

E’ un marketplace con sede a Tel Aviv molto utilizzato nel mondo e che sta prendendo piede anche in Italia. Qui puoi dare in outsourcing molti lavori, come incarichi di logo design, digital marketing, di scrittura e di traduzione, ma anche incarichi di programmazione e di animazioni audio e video. Il prezzo viene stabilito prima di iniziare il lavoro ed è fisso, mai orario. Quindi dal tuo punto di vista non ci saranno sorprese. Il pagamento pattuito verrà rilasciato al freelance una volta che avrai approvato il suo lavoro. Unica pecca (forse) per alcuni? Il portale eroga informazioni solo in lingua inglese.

Freelancer

frelancer-1349x654

E’ un marketplace come i precedenti con sede principale a Sidney. Consente ai potenziali datori di lavoro come te di pubblicare un progetto e di affidare scegliere il professionista più idoneo. Tutte queste attività, compresi la consultazione del portfolio del libero professionista e gli accordi che vi scambierete sul progetto sono gratuite. Una volta assegnato il progetto, ti verrà addebitato una piccola commissione, relativa al valore del progetto e pari a circa il 3%.

Non male questi servizi, vero? Ingaggiando un freelance non solo avrai prontamente una figura professionale formata e altamente specializzata (abbatterai così il costo di formare un dipendente già in organico), ma potrai anche evitare di assumere qualcuno che poi sarai costretto a licenziare, perché spesso l’intervento che ti serve è circoscritto o perché un calo di produzione e il costo del lavoro ti potrebbero portare ad un taglio del personale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui