L’importanza del mercato del turismo in Italia

turismo-in-italia-600x340

Un mercato d’oro e dalle alte potenzialità, quello del turismo nel nostro Paese. L’Italia, infatti, con i suoi 54 siti patrimonio dell’Unesco e con le sue bellezze naturalistiche è uno dei poli di attrazione turistica rinomati da sempre. Qualche dato non può che confermare, più che smentire, questo trend.

Nel 2018, secondo l’Istat – Istituto Nazionale di Statistica – si è viaggiato più per vacanza che per lavoro e l’Italia si è confermata la meta per eccellenza, scelta dal 79,3% dei viaggiatori e facendo registrare un +16,7% rispetto all’anno precedente. Puglia prediletta per le vacanze lunghe – quelle con più di 4 pernottamenti – mentre per le brevi fughe di relax, la Toscana si è rivelata la meta preferita. Lombardia in testa, invece, come destinazione dei viaggi di lavoro. Il 20% dei viaggiatori, al contrario, ha preferito mete estere, prevalentemente con destinazione europee.

Ottima anche la presenza straniera nel nostro Paese, stando alle cifre diffuse a metà 2018 (quindi relative all’anno precedente) da parte dell’Osservatorio Nazionale del Turismo. Nel 2017, secondo i dati provvisori dell’Organizzazione Mondiale del Turismo, in Italia sono stati 58,7 milioni i viaggiatori stranieri, in aumento dell’11,8% rispetto al 2016. Si tratta del più alto tasso di incremento fra i Paesi top five. E, di conseguenza, è cresciuta anche la spesa degli stranieri per attività turistiche nel Belpaese.

Per quanto riguarda l’intero anno 2017 (dati Banca d’Italia), la bilancia turistica dei pagamenti ha riportato un avanzo di oltre 15 milioni di euro, con un aumento dell’8,7% sull’anno precedente. Merito degli stranieri che hanno speso, nel nostro Paese, quasi 39 milioni di euro, il 7,2% in più rispetto al 2016. E’ la Germania, ancora una volta, a confermarsi il nostro principale mercato di provenienza per quanto riguarda la spesa turistica.

Informazioni utili su cui puntare se si hanno strutture ricettive. Queste, devono sicuramente essere tradotte e ottimizzate anche nei mercati esteri top five (Germania, Stati Uniti, Francia, Regno Unito e Svizzera) per essere visualizzate agevolmente anche online ed essere dunque fruite dai turisti stranieri provenienti da queste aee geografiche.

Gli ambiti strategici del PST promosso dalla Direzione Generale del Turismo

Un mercato, quello turistico italiano, che promette bene agli investitori e ai titolari di strutture ricettive che siano però in grado di stare al passo con i tempi. Il tema di questi anni è infatti l’innovazione. La Direzione Generale del Turismo presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha lanciato per il quinquennio 2017-2022 il Piano Strategico per il Turismo con l’obiettivo di rilanciare a tutto tondo la leadership dell’Italia nel turismo internazionale sotto le voci di Innovazione, Sostenibilità e Accesibilità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui